Dolore addominale e perdita di peso: sintomi di grave malattia spesso confusi con altre patologie

Il dolore addominale può nascondere una condizione medica molto grave. Ecco come comportarsi dopo la sua insorgenza.

Il dolore addominale è un disturbo abbastanza frequente. Nella maggior parte dei casi, si risolve da solo, senza lasciare alcuno strascico. A volte, tuttavia, la situazione può apparire più complicata. Alcuni pazienti, oltre a non sperimentare alcuna regressione del sintomo, lamentano anche l’insorgenza di nuove percezioni anomale. Tutto questo dovrebbe spingere i diretti interessati a rivolgersi immediatamente al medico.

Dolore addominale e perdita di peso
Ecco cosa si può nascondere dietro al dolore addominale – arabonormannaunesco.it

La necessità di una diagnosi accurata è una priorità irrinunciabile. Ignorando tale passaggio, si rischia di trascurare una patologia potenzialmente grave e pericolosa. Inoltre, senza esami accurati, è quasi impossibile avere un quadro accurato degli organi interni. La repentina perdita di peso rappresenta un altro preoccupante campanello di allarme.

Mai trascurare il dolore addominale: ecco che cosa potrebbe nascondere

Il dolore addominale è causa di allarmismo in molti pazienti. Può presentarsi con diversi livelli di intensità. A volte, si tratta solo di una lieve sensazione, che non impedisce di svolgere le attività quotidiane. In casi selezionati, invece, può diventare invalidante, fino a trasformarsi in un vero e proprio fardello. Quando i sintomi tendono a peggiorare, senza rispondere ad alcuna cura prescritta, è indispensabile muoversi in un altro modo.

Mai trascurare il dolore addominale
Il tumore al pancreas può esordire con il dolore addominale – arabonormannaunesco.it

Il medico si può servire di alcuni controlli per fare una diagnosi differenziale. Purtroppo, dietro a questo disturbo, può nascondersi una condizione molto grave, capace di mettere a rischio la vita degli individui interessati. Si tratta del cancro al pancreas che, ogni anno, in Italia, colpisce circa 14.000 persone. Insieme al dolore, con il passare delle settimane, è possibile assistere anche a una perdita di peso immotivata. Non è secondaria ad alcun tipo di dieta e, per questo motivo, deve destare sospetti.

Altri sintomi possono comprendere:

  • Ittero: ingiallimento della pelle e della sclera dovuto a un alto livello di bilirubina nel sangue
  • Diabete: malattia metabolica legata all’insulina
  • Melena: evacuazione di feci nere, dalla consistenza simile al catrame
  • Dispepsia: difficoltà nel digerire anche gli alimenti più semplici
  • Ematemesi: vomito contenente tracce di sangue più o meno marcate

È importante specificare che, solitamente, i disturbi all’addome sono legati a patologie banali, curabili con una semplice terapia. Una cattiva alimentazione, l’insorgenza di un colon irritabile o alcune intolleranze alimentari, per esempio, possono esserne la causa. Quindi, è fondamentale non farsi prendere dal panico e seguire i consigli dello specialista. Spesso, è sufficiente eseguire esami di primo livello per scongiurare il peggio.

Gestione cookie