Debolezza, pelle secca e aumento della temperatura: attenzione a questi sintomi in estate

In estate soffri di debolezza, hai una leggera febbricola e la tua pelle è secca? Non sottovalutare questi sintomi.

L’estate è un periodo meraviglioso ma porta con sé una serie di fastidi imputabili al caldo torrido. Gli sbalzi di temperatura stressano il corpo, ed è per questo che la bella stagione diventa per molti, un momento in cui la routine quotidiana viene alterata e, fanno capolino i sintomi dello stress. Una ricerca recente ha confermato che in estate, molti soggetti presentano più alti livelli di cortisolo nel sangue. Questo è il motivo per il quale in genere, si dorme poco e male, il ritmo sono-veglia è infatti condizionato dal cortisolo.

Debolezza, pelle secca e aumento della temperatura in estate
Estate, attenzione ai segnali, non sempre è stress arabonormannaunesco.it

La privazione di un buon sonno ristoratore è dannosissima sia per la psiche sia per il corpo. I soggetti che soffrono di insonnia sperimentano infatti più facilmente disturbi dell’umore come: l’ansia generalizzata, le crisi di pianto, le crisi di rabbia, la mancanza di concentrazione etc. La privazione del sonno inoltre comporta un aumento del senso di fame, poiché il corpo entra in una modalità sopravvivenza e richiede tanta energia per “carburare”. È frequente infatti assistere ad un aumento di peso nei soggetti che soffrono di insonnia.

Estate: debolezza e pelle secca ma non sempre si tratta di stress

Le condizioni appena citate possono essere considerate “normali” se sono circoscritte al periodo estivo, ma, attenzione poiché questi segnali potrebbero essere la spia, il segnale d’allarme che qualcosa non funziona come dovrebbe. Sentirsi costantemente deboli, constatare che la pelle è secca e tendente alla desquamazione, avvertire un aumento improvviso della temperatura, potrebbe segnalare che si è disidratati.La disidratazione è causata da un insufficiente apporto di acqua e, può essere pericolosa.

Attenzione a questi sintomi in estate
Le alte temperature stressano il corpo, occhio ai sintomi arabonormannaunesco.it

In estate infatti, la disidratazione potrebbe favorire la comparsa del cosiddetto colpo di calore. Nei casi estremi potrebbe verificarsi il collasso cardiocircolatorio. I sintomi più comuni della disidratazione sono: l’astenia, l’aumento della temperatura corporea, la tachicardia, i crampi muscolari, pelle secca e screpolata. Per scongiurare il rischio di disidratazione è importante consumare la giusta quantità d’acqua. I medici genericamente fanno riferimento a due litri al giorno.

Invero, il corretto apporto giornaliero di liquidi va calcolato in base alle proprie caratteristiche fisiche, allo stile di vita e al sesso. Un uomo adulto che pratica sport a livello agonistico ha bisogno di un apporto di acqua maggiore rispetto ad un bambino o ad una donna che non praticano sport, ad esempio. Ciascun individuo, anche in ragione della dieta, dovrebbe apportare uno specifico quantitativo d’acqua. Qualora si nutrano dubbi sulla giusta dose da ingerire, è importante rivolgersi al proprio medico, il quale fornirà le indicazioni più consone per le proprie esigenze.

Gestione cookie