Adesso è davvero nei guai: “Azione legale”

La situazione si fa delicatissima per un grande protagonista del mondo del calcio: minacciata un’azione legale

Un nuovo terremoto nel mondo del calcio si profila all’orizzonte. Dopo la sentenza dello scorso 21 dicembre, è impossibile che le cose rimangano come sono. La Corte di Giustizia europea ha dato il via libera alla Superlega e a chiunque altro per la creazione di nuove competizioni, anche senza l’autorizzazione di FIFA e UEFA. 

Ceferin azione legale SuperLega
La vicenda che può scuotere il mondo del calcio (LaPresse) – Arabonormannaunesco.it

Ma i vertici del calcio mondiale, da Infantino a Ceferin, non vogliono saperne e continuano a minacciare sanzioni nei confronti dei club che decideranno di partecipare a queste competizioni. Un atteggiamento che potrebbe dare il via a una serie di battaglie legali, con conseguenze devastanti per chi oggi governa il mondo del calcio.

L’atteggiamento intimidatorio nei confronti di altre competizioni da parte di FIFA e UEFA è “un abuso” secondo quanto confermato dalla sentenza della Corte Europea. Ciò vuol dire che, se dovessero arrivare davvero sanzioni da parte degli organi calcistici, ci sarebbero i margini per dare il via a una nuova battaglia legale senza precedenti.

Lo ha confermato la stessa società A22, guidata dal CEO Bernd Reichart, in un nuovo comunicato pubblicato su X nelle ultime ore. Il numero uno della società che vuole organizzare la Superlega ha sottolineato come l’atteggiamento di Ceferin e dell’UEFA continui a essere in contrasto con quello che la sentenza ha deciso, e quindi ha chiesto di “cessare immediatamente comportamenti anticoncorrenziali” nei confronti di A22. Una richiesta che, non dovesse essere evasa, porterebbe a conseguenze durissime per l’attuale numero uno del calcio europeo.

A22 contro Ceferin, la Superlega non arretra

In un ulteriore post su X, A22 ha voluto chiarire il motivo per cui è stata pubblicata la lettera in questione. Si tratterebbe di una risposta allo stesso Ceferin che continua a non dar seguito alle richieste della stessa A22. Sottolinea Reichart: “Stiamo cercando di condurre un dialogo pubblico sul futuro del calcio europeo, e mentre lo facciamo chiediamo che la UEFA desista da comportamenti anticoncorrenziali“.

Non c’è la volontà, da parte dei vertici della società privata creata con l’appoggio di due delle più importanti squadre europee, Real Madrid e Barcellona, di arrivare per forza a uno scontro legale. Tuttavia, l’atteggiamento avuto fin qui dal numero uno della UEFA starebbe obbligando A22 a procedere legalmente per cercare di far valere i diritti acquisiti con la storica sentenza del 21 dicembre.

Azione legale Ceferin Superlega
Ceferin nei guai, la SuperLega insiste (LaPresse) – Arabonormannaunesco.it

Proprio per questo motivo, Reichart ha chiarito una volta per tutte che A22 farà di tutto per far difendere i propri interessi legittimi, anche “intraprendere azioni appropriate in tutte le giurisdizioni rilevanti contro l’UEFA“, qualora i dirigenti dell’organizzazione europea dovessero continuare a portare avanti questo comportamento anticoncorrenziale.

Al momento non è arrivata una risposta ufficiale da parte di Ceferin o di altri membri del principale organo calcistico europe, che continua a considerare la questione Superlega come un pericolo lontano. La sensazione è che però dal 21 dicembre le cose stiano prendendo una direzione ben precisa. Fare finta di nulla potrebbe quindi rivelarsi il più grave degli autogol.

Impostazioni privacy