Unicredit chiude gli sportelli, correntisti in panico

Grande panico tra i correntisti della banca Unicredit: chiusi gli sportelli. Cosa è accaduto e qual è il sentimento tra i clienti.

Il periodo storico attuale, in materia economica è sicuramente complesso. Ci sono tantissime persone che cercano di centellinare i propri stipendi affinché alla fine del mese possano riuscire, oltre che coprire le spese, anche a mettersi qualcosina da parte. Il costo della vita ha costretto tante persone, infatti, a dover rivedere i propri conti. E quindi cercare di risparmiare quanto più possibile, per poter far fronte alle spese. Queste, seppur in diminuzione nell’ultimo periodo, sono comunque pressanti.

Chiusi gli sportelli Unicredit
Chiusi sportelli Unicredit: costa sta accadendo? – arabonormannaunesco.it

E ovviamente, per provare a risparmiare qualcosa, si cerca di conservare tramite conti postali o conti correnti bancari. Ma quello che sta accadendo per dei correntisti di una delle principali banche sul territorio italiano, ovvero l’Unicredit, ha mandato in panico una grande fetta di utenza. Si sono visti, infatti, chiudere gli sportelli, ed è montata la polemica. Ecco cosa è successo.

Unicredit, sportelli chiusi: la reazione dell’utenza

Quante volte vi è capitato che, quando avete bisogno di denaro contante, la cassa del bancomat non funziona, e dovete recarvi allo sportello? Una soluzione che, seppur dispendiosa di tempo, è sempre una sorta di salvagente. Soprattutto per chi deve effettuare delle operazioni, che non sono intese solo come prelievo, ma ogni genere di movimento. Parliamo di deposito, consultazione dei movimenti del proprio conto e quant’altro.

chiusura sportelli Unicredit
Unicredit: sportelli chiusi e rabbia tra gli utenti – arabonormannaunesco.it

Ma quello che sta accadendo per alcuni sportelli dell’Unicredit, sta mettendo in panico i correntisti, e sta capitando in maniera abbastanza frequente, a detta dell’utenza, alla filiale di Via Leopardi a Lecce. I correntisti, infatti, spesso e volentieri si trovano gli sportelli della banca chiusi. Costringendoli ad effettuare le operazioni non più fisicamente ma online. Ma come mai sta accadendo in maniera così frequente?

Il pensiero collettivo, dell’utenza appunto spaventata, è dato dal fatto che probabilmente l’intento è quello di ridurre al massimo quelle che sono le sedi fisiche delle banche. Lo scopo è veicolare tutto il movimento sulle operazioni da fare online, tramite le app o i siti bancari. Un pensiero abbastanza diffuso, che sembra trovare fondamento in quelle che sono le reiterate chiusure. L’abbattimento del lavoro allo sportello, infatti, sembra essere un target di tanti istituti bancari.

Vien da sé immaginare come i costi di gestione possono abbassarsi notevolmente, andando a spostare grande fetta del bacino di utenza e le sue operazioni, tramite i sistemi elettronici ed informatici. Ci sono però altrettanti utenti che, per un motivo o un altro, non riescono o non sono in grado di effettuare operazioni tramite questi strumenti, e necessitano di assistenza allo sportello. Purtroppo la sorpresa è stata quella della chiusura: che il trend sia destinato a crescere? Non resta che aspettare e vedere, ma il sentore sembra essere quello.

Impostazioni privacy