Tumore ovarico, questi i sintomi che devono metterti in allarme: conoscerli può salvarti

Il tumore ovarico può essere accompagnato da segnali allarmanti a cui fare molta attenzione per individuare in tempo la malattia.

I campanelli d’allarme che il corpo invia sono sempre la strada da seguire per capire che c’è qualcosa che non va e che non sta funzionando nel nostro corpo. Per questo non andrebbero mai sottovalutati ma sempre considerati come elementi da verificare con l’aiuto di uno specialista.

Tumore ovarico sintomi metterti in allarme
I sintomi da individuare del tumore ovarico. Foto Editorially Srl – arabonormannaunesco.it

Nello specifico bisogna fare attenzione quando questi sintomi sono a rapida insorgenza. Quando, dunque, si manifestano all’improvviso e non paiono legati a fattori di altro tipo come ad esempio stanchezza relativa ad un periodo di forte stress e tensione.

Tumore ovarico: i sintomi da riconoscere subito

Il tumore ovarico si genera nei tessuti di questi organi che sono di circa 3 centimetri e hanno la funzione di produrre ormoni e ovociti. Il cancro è determinato dalla proliferazione delle cellule non sane che portano quindi alla formazione del tumore. In Italia ogni anno, secondo i dati riportati da Airc, sono oltre 5000 le donne che subiscono una diagnosi di questo tipo. Si trova al decimo posto e rappresenta il 3% di tutti i tumori.

tumore ovarico sintomi
Tumore ovarico, questi i sintomi a cui prestare attenzione. Foto: Canva – arabonormannaunesco.it

La percentuale di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è del 40%, questo perché spesso la diagnosi avviene tardivamente, quando ormai la malattia si è diffusa. Il tasso di mortalità sta diminuendo ma è essenziale adottare i protocolli del caso con controlli periodici per poter avere informazioni sempre aggiornate sullo stato di salute.

Sono a rischio in particolare le donne tra i 50 e i 69 anni di età, sono ulteriori fattori di incidenza l’obesità, menarca precoce o menopausa tardiva, non avere avuto figli. Il fattore chiave in questo senso è la mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2. Fino al 25% dei tumori sviluppati di tipo maligno comporta una mutazione del genere. Nelle donne che ereditano questo tipo di mutazione il rischio di cancro è fino al 45%, per avere informazioni e per effettuare i test è possibile sottoporsi a una consulenza genetica.

Ci sono vari tipi di tumore ovarico ma la cosa fondamentale è sempre individuare precocemente i sintomi. Questo perché in caso di cure tempestive aumentano le possibilità di guarigione dalla malattia. Nelle fasi iniziali non dà particolari evidenze e per questo non è sempre facile identificarlo. Sono tre i campanelli d’allarme: addome gonfio, necessità di urinare spesso e meteorismo.

Tra i sintomi da considerare ci sono anche: dolore addominale o pelvico, sanguinamento anomalo, stipsi o diarrea, stanchezza perenne. Non ci sono programmi di screening appositi per il tumore alle ovaie. Tuttavia una visita di controllo annuale dal ginecologo che esegue ecografia e palpazione consente una diagnosi precoce.

Impostazioni privacy