Tumore del sangue, i primi sintomi devono metterti in allarme: ecco a cosa prestare massima attenzione

Individuare i segnali di un tumore del sangue non è per niente facile. Ecco a quali sintomi prestare molta attenzione.

Se in generale individuare i segnali di un cancro non è per niente facile, vi sono specifiche forme tumorali per le quali è tutto ancora più complesso. Ed occorre prestare enorme attenzione ai sintomi che non dovranno essere sottovalutati per fare in modo che la malattia possa essere diagnosticata in tempi rapidi.

Sintomi tumore del sangue: come riconoscere
Come individuare i primi segnali di un tumore nel sangue: i sintomi (arabonormannaunesco.it)

Con tumore del sangue si fa riferimento alla leucemia, ovvero all’incontrollata proliferazione delle cosiddette cellule leucemiche prodotte dal midollo osseo, e tale da andare ad interferire con la crescita delle cellule del sangue. Anche dette blasti, ci troviamo di fronte a vere e proprie cellule staminali a partire dalle quali globuli rossi, bianchi e piastrine hanno origine.

Come, dunque, capire fin da subito che si è stati colpiti da un tumore del sangue? Ecco quali indicatori del nostro corpo non vanno presi sotto gamba.

Tumore nel sangue, a quali sintomi prestare subito attenzione

Anzitutto è bene sottolineare che l’età infantile è quella maggiormente colpita, rispetto a quella adulta, dai tumori che interessano le cellule del sangue. Con il 25% di leucemie acute che colpiscono i bambini tanto da essere considerate le più frequenti neoplasie pediatriche. Al primo posto vi è sicuramente la leucemia linfoblastica seguita da quella mieloide mentre nel caso degli adulti si tratta in particolare delle forme mieloidi e con meno frequenza di quelle linfoblastiche.

Leucemie cronica o acuta: i sintomi da riconoscee
Molti sintomi della leucemia sono comuni ad altre malattie (arabonormannaunesco.it)

Per quanto riguarda le leucemie croniche invece, esse sono più diffuse tra gli adulti: la più diffusa è nota come leucemia linfatica cronica a cellule B. La differenza tra leucemie acute e croniche è legata principalmente alla velocità di progressione della patologia.

Quali sono i sintomi da riconoscere? Purtroppo alcune forme di leucemia non producono alcun sintomo nelle fasi iniziali mentre le forme acute possono peggiorare rapidamente e sono riconoscibili in tempi più ristretti. Tra i segnali principali troviamo sudorazioni notturne e febbre, ma anche un senso generale di affaticamento ed il mal di testa costante, dolori articolari ed ossei e stanchezza; e ancora una repentina perdita di peso, una maggiore suscettibilità alle infezioni, pallore e ingrossamento dei linfonodi, fino alla facilità al sanguinamento e all’ingrossamento della milza.

In alcuni casi anche l’organo coinvolto dall’azione dei blasti leucemici può manifestare un cattivo funzionamento ed anche questo rappresenta un sintomo da considerare. Ciò nonostante solo ulteriori esami possono confermare la presenza di una leucemia dal momento che si tratta di sintomi comuni anche a molte altre patologie. La valutazione medica sarà, dunque, essenziale.

Impostazioni privacy