Tumore al polmone, un nuovo farmaco riaccende la speranza anche negli stadi avanzati

Un nuovo farmaco per una forma avanzata di tumore al polmone ha mostrato risultati promettenti a lungo termine

Secondo i risultati dello studio pubblicati venerdì, un farmaco della Pfizer contro il cancro al polmone ha dimostrato di ridurre notevolmente la progressione del tumore e di migliorare i risultati di sopravvivenza per le persone negli stadi avanzati di una forma rara della malattia.

Tumore ai polmoni, un nuovo farmaco fa sparire la malattia
Il farmaco Pfizer allunga la vita delle persone affette da una rara forma di cancro ai polmoni (arabonormannaunesco.it)

Il medicinale dell’azienda ha aiutato i pazienti a vivere più a lungo senza veder progredire la malattia e la maggior parte delle persone ha sperimentato questo beneficio per oltre cinque anni. Il farmaco, chiamato Lorbrena, ha anche ridotto il rischio di progressione del cancro nel cervello dei pazienti. Di seguito, scopriamo maggiori dettagli.

Il farmaco che prolunga la vita dei pazienti affetti da raro tumore al polmone

Lorlatinib, già approvato e disponibile negli Stati Uniti, è stato testato in uno studio clinico su centinaia di persone con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) positivo per linfoma anaplastico chinasi (ALK). I tumori polmonari non a piccole cellule rappresentano circa l’85% delle diagnosi di cancro al polmone e quelli ALK-positivi rappresentano circa il 4% di tali diagnosi: più di 70.000 persone ogni anno.

farmaco prolunga vita pazienti affetti da raro tumore polmone
Tumore al polmone: un farmaco allunga la sopravvivenza (arabonormannaunesco.it)

Il cancro tende a manifestarsi nei pazienti più giovani che non sono fumatori. È anche particolarmente mortale: circa il 25% dei pazienti presenta metastasi cerebrali entro i primi due anni dalla diagnosi. Lorbrena è specificamente approvato come trattamento di prima linea per quella forma di cancro ai polmoni, il che significa che i pazienti che lo assumono non hanno ricevuto nessun’altra terapia.

Ma il farmaco della Pfizer non è attualmente considerato il trattamento standard – o il più appropriato e ampiamente utilizzato – per questa condizione. L’azienda ritiene che i nuovi dati quinquennali sul farmaco cambieranno la situazione. La nuova ricerca, follow-up di un precedente studio clinico di fase 3, ha rilevato che dopo cinque anni, il 60% dei pazienti che avevano ricevuto Lorbrena erano ancora vivi, rispetto all’8% dei pazienti che avevano ricevuto un farmaco diverso, crizotinib (Xalkori, anch’esso della Pfizer).

Entrambi i farmaci – parte di una classe di farmaci chiamati inibitori della tirosina chinasi – combattono le cellule tumorali generalmente allo stesso modo. Tuttavia, crizotinib è una versione di prima generazione di questo tipo di farmaci, mentre Lorbrena è la terza generazione. “Stiamo parlando di pazienti con malattia metastatica avanzata, quindi questa è in realtà una scoperta davvero senza precedenti”, ha detto Despina Thomaidou, responsabile della strategia di oncologia toracica della Pfizer. L’attuale standard di cura, ovvero i farmaci che gli oncologi usano tipicamente per trattare i tumori polmonari ALK-positivi, comprende Lorbrena e due farmaci di seconda generazione: brigatinib e alectinib.

Impostazioni privacy