Tumore al polmone, le prime avvisaglie sono importantissime: conoscerle è indispensabile per la sopravvivenza

La diagnosi precoce è fondamentale quando si tratta di tumore, soprattutto se di tipo aggressivo come il cancro al polmone. 

I primi chiari segnali di tumore a volte arrivano quando è troppo tardi. Ecco perché è fondamentale riuscire già dalle primissime avvisaglie ipotizzare la patologia e sottoporsi agli esami di controllo coinvolgendo il medico di base.

I segnali del tumore al polmone
Come riconoscere il tumore ai polmoni – Arabonormannaunesco.it

Tra i tumori ancora difficilmente trattabili c’è il cancro al polmone. Si sviluppa nei due organi simmetrici del torace che hanno la funzione di portare l’ossigeno respirato nel circolo sanguigno nonché di depurare il sangue dall’anidride carbonica. Il tumore si può sviluppare dalle cellule che costituiscono i bronchi, bronchioli e alveoli formando una massa che ostruisce il flusso dell’aria e provoca emorragie polmonari oppure bronchiali.

Esistono diverse tipologie di cancro al polmone e, in più, questo può essere la sede di metastasi di tumori che hanno colpito altri organi del corpo. Gli uomini hanno maggiori possibilità rispetto alle donne di sviluppare questo tipo di cancro. Il rischio più grande è dato sicuramente dal fumo ma il tumore al polmone può essere diagnosticato anche a chi non ha mai fumato. Ogni anno muoiono in Italia circa 34mila persone con diagnosi di cancro al polmone.

La diagnosi precoce è fondamentale: i segnali del tumore al polmone

Il problema di tutti i tipi di cancro è l’assenza di sintomi nella fase iniziale. Spesso la patologia viene diagnosticata precocemente solo perché rilevata mentre si effettuavano altri esami per diversi disturbi. Tra i sintomi più frequenti nel tumore al polmone segnaliamo la tosse continua che non passa o peggiora nel tempo nonostante sciroppi, aerosol e altre strategie curative.

i sintomi del tumore al polmone
Tosse e altri segnali del tumore al polmone (Arabonormannaunesco.it)

Sono segnali di allerta anche la raucedine, la presenza di sangue nel catarro, il dolore al petto, il respiro corto, la perdita di peso e di appetito, la maggior frequenza di infezioni respiratorie e la stanchezza perenne. Se partono le metastasi – che possono arrivare a qualsiasi organo del corpo, dal fegato al cervello, dai reni alla cute – si possono avvertire sintomi quali dolore alle ossa, ittero, mal di testa, vertigini nonché noduli ben visibili a livello cutaneo.

Cosa si può fare per prevenire il tumore al polmone? Smettere di fumare in primis ed evitare il fumo passivo se si è non fumatori. In generale, poi, per diminuire il rischio di insorgenza di una malattia si consiglia un’alimentazione sana ed equilibrata, ricca di frutta e verdura e vitamine ma anche lo svolgimento di attività fisica regolare.

Impostazioni privacy