Sono i 5 cibi più tossici al mondo: non devi assolutamente mangiarli

Da quelli velenosi a quelli igienicamente pericolosi, alcuni alimenti potrebbero ucciderti o farti ammalare gravemente.

Quando si parla degli alimenti più pericolosi del mondo, probabilmente si pensa alle prelibatezze esotiche con cui la maggior parte delle persone non entrerà mai in contatto. Tuttavia, a quanto pare, alcuni dei cibi più tossici al mondo sembrano piuttosto innocui e potrebbero essere nel tuo frigorifero in questo momento.

Cibi tossici: da dove arrivano i 5 più pericolosi
Salute: ecco la black list dei cibi più pericolosi (arabonormannaunesco.it)

Qualsiasi tipo di cibo contaminato potrebbe essere pericoloso per la vita, ma esistono numerosi alimenti nel mondo che richiedono estrema cura e precisione durante la preparazione per evitare di causare malattie gravi o morte. Di seguito, scopriamo quali sono i cinque peggiori.

Cibi letali: sono i più tossici al mondo

Gli esperti sanitari hanno espresso il loro verdetto sui cinque alimenti più pericolosi al mondo, inclusi alcuni alimenti di base per l’uso quotidiano. Molti dei cibi elencati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) diventano pericolosi perché non sono stati preparati o conservati correttamente. Si stima che circa 600 milioni di persone si ammalino dopo aver consumato cibo contaminato provocando 420.000 morti lo scorso anno. Alcune persone si ammalano dopo che il cibo non è stato preparato correttamente o è stato contaminato, causando gravi reazioni allergiche.

Cibi letali: sono i più tossici al mondo
I 5 cibi più pericolosi per la nostra salute (arabonormannaunesco.it)

Fugu è la parola giapponese per pesce palla e il piatto preparato con esso può essere velenoso. Le ovaie, l’intestino e il fegato del fugu contengono la tetrodotossina, una neurotossina fino a 1.200 volte più mortale del cianuro. Una dose letale di un singolo pesce ha abbastanza veleno per uccidere 30 persone. Se preparato in modo errato, tale alimento può paralizzare i nervi motori e causare un arresto respiratorio fatale.

L’ackee, il frutto nazionale della Giamaica, è una delizia ma pericolosa. Il frutto acerbo contiene un veleno chiamato ipoglicina, quindi deve essere completamente maturo e lasciato aprire naturalmente sull’albero per poter essere mangiato in sicurezza.

L’Hákarl, un piatto tradizionale islandese, è la carne di squalo della Groenlandia che viene stagionata e appesa ad essiccare per un periodo compreso tra tre e cinque mesi. Questo processo è necessario per neutralizzare gli alti livelli di urea e ossido di trimetilammina nella carne dello squalo. Le sostanze chimiche sono così concentrate che bastano pochi bocconi di carne fresca non stagionata per causare sintomi di estrema intossicazione nelle persone.

Il rabarbaro viene solitamente trasformato in marmellate e torte. Il gambo è buono da mangiare, ma i consumatori sono avvisati delle sue foglie. Queste ultime contengono acido ossalico che è tossico e può uccidere. Anche mangiarne poche foglie potrebbe provocare spiacevoli effetti collaterali, come bruciore alla gola e alla bocca, nausea, difficoltà respiratorie o diarrea. Infine, la manioca viene spesso utilizzata per preparare budini, succhi di frutta, torte e patatine, ma le sue foglie e radici possono produrre cianuro mortale. Per prevenire l’avvelenamento, deve essere adeguatamente cotta prima di inscatolare, mangiare o servire.

Impostazioni privacy