Rimborso delle spese mediche sostenute: ecco come puoi richiederlo nel 2024

Rimborso delle spese mediche 2024: come beneficiarne? Ecco spiegato come poter richiederlo e quali sono i passaggi da seguire.

I cittadini italiani hanno diritto alle prestazioni del Servizio sanitario nazionale, che possono richiedere il pagamento di una quota, il ticket sanitario, o essere completamente gratuite. La gratuità dipende da diversi fattori come l’età, la condizione e tanto altro.

Spese mediche rimborsabili: ecco tutto quello che devi sapere
Rimborso spese mediche: ecco come funziona – arabonormannaunesco.it

Le spese sanitarie nel nostro sistema nazionale sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi con una percentuale del 19% ma a condizione che superino la franchigia di 129,11 euro. Ma cosa succede se il soggetto necessita di cure mediche quando si trova al di fuori del territorio nazionale? Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere.

Rimborso spese mediche: ecco come richiederlo

Coloro che hanno una TEAM (Tessera Europea di Assicurazione Malattia) se si trovano in uno dei Paesi dell’Unione Europea o in Paesi con i quali l’Italia ha stretto accordi bilaterali e hanno bisogno di cure mediche, possono ottenere il rimborso delle spese mediche sostenute.

Spese mediche rimborsabili: ecco come funziona
Spese mediche rimborsabili: tutto quello che c’è da sapere – arabonormannaunesco.it

Il rimborso delle cure mediche effettuate all’estero viene concesso ad alcune condizioni. Dunque nel caso in cui si viaggi per lunghi periodi di tempo, è bene informarsi prima della partenza così da essere a conoscenza su eventuali problematiche e risolverle in tempo.

Se la persona si trova all’estero e ha bisogno di prestazioni mediche “urgenti”, è necessario che si rivolga a un presidio sanitario pubblico ed esibire la tessera europea di assicurazione malattia. A fine della visita va pagato l’eventuale compenso stabilito dal Paese straniero, a meno che non se ne sia esenti. Inoltre, in molti casi è necessaria un’autorizzazione preventiva da parte della ASL di residenza.

L’autorizzazione, ricordiamo, deve essere rilasciata entro 10 giorni dalla richiesta. Inoltre i costi della prestazione sono sempre anticipati dal paziente e se ottenuta l’autorizzazione preventiva, è poi possibile ottenere il rimborso. Nel momento in cui si devono sostenere delle spese per le cure mediche all’estero, i cittadini italiani si trovano di fronte a due opzioni:

  • affidarsi a un’assicurazione sanitaria
  • anticipare di tasca propria, per poi richiedere il rimborso.

Ma a cosa serve la tessera Team? La tessera Team permette ai suoi possessori di ricevere assistenza sanitaria statale alle stesse condizioni rispetto al Paese in cui ci si trova. Ma a tali condizioni:

  • la permanenza nello Stato in questione deve essere temporanea
  • bisogna trovarsi o in uno dei 27 Stati membri dell’Unione Europea, o in Islanda, in Liechtenstein, in Norvegia, o in Svizzera.

Nel caso di smarrimento della tessera Team, si può richiederne una copia all’Asl e ricevere nel frattempo un attestato temporaneo sostitutivo. Questo è tutto quello che c’è da sapere in merito, ma per ulteriori dettagli puoi rivolgerti ai rispettivi canali telematici.

Impostazioni privacy