Pensioni: tanti stanno perdendo un sacco di soldi a causa di questi nuovi cavilli, controlla subito

I pensionati italiani devono prestare molta attenzione: se commettono questi errori perdono un sacco di soldi. Cosa evitare

Con l’inizio del nuovo anno sono entrate in vigore, nel nostro Paese, tutte le normative contenute nella Legge di Bilancio 2024. La nuova manovra, messa a punto dal governo Meloni ed approvata da Camera e Senato negli ultimi giorni di dicembre 2023, contiene nuove norme sul piano fiscale, previdenziale e non solo.

Accorgimenti per chi si pensiona nel 2024
Attenzione alle nuove normative sulle pensioni – Arabonormannaunesco.it

Tra gli emendamenti cardine della nuova manovra un posto d’onore spetta a quelli relativi l’ambito fiscale. Innanzitutto il taglio del cuneo fiscale e la riduzione delle aliquote Irpef che passano da sei a 4. Altri emendamenti importanti riguardano invece il piano previdenziale, e quindi quello relativo alle pensioni.

Pensioni 2024: attenzione a non commettere questi errori o si perdono soldi

Le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2024 per le pensioni possono creare confusione e portare a errori costosi a discapito dei pensionati italiani che ogni mese si fanno accreditare l’assegno pensionistico o lo vanno a ritirare presso gli uffici postali. Ecco allora a cosa dovranno prestare particolare attenzione i pensionati.

Pensioni 2024
Normative 2024 per il pensionamento – Arabonormannaunesco.it

Innanzitutto tutti coloro che, nell’anno in corso, e quindi nel 2024, raggiungono i requisiti pensionistici con Quota 103 devono ricordarsi che la pensione, in questo caso, è calcolata con il sistema contributivo, con una potenziale perdita di oltre il 30% rispetto al sistema retributivo. L’importo massimo della pensione è stato ridotto da 5 a 4 volte il trattamento minimo, con una perdita fino a 600 euro al mese per chi supera questo limite.

Un altro particolare a cui i pensionati devono prestare particolare attenzione riguarda sempre Quota 103. Chi ha già maturato i requisiti per Quota 103 nel 2023 non deve utilizzare il nuovo applicativo INPS per la richiesta. In questo caso, la pensione viene calcolata con il sistema retributivo e non c’è il limite massimo di 4 volte il trattamento minimo.

I pensionati devono quindi prestare molta attenzione al momento in cui presentano apposita domanda di pensionamento. È fondamentale valutare attentamente la propria situazione e il momento più opportuno per presentare la domanda di pensione. Se possibile, il consiglio è quello rivolgersi ad un esperto per ricevere una consulenza personalizzata.

Ricordiamo, infine, che le nuove procedure per richiedere Quota 103 e Opzione Donna 2024 sono disponibili sul sito INPS. Il messaggio INPS n° 454/2024 fornisce tutte istruzioni dettagliate sulle nuove procedure mentre la circolare INPS numero 1/2024 illustra il trattamento minimo INPS per il 2024. È quindi importante informarsi correttamente e valutare attentamente le proprie opzioni per ottenere la pensione più vantaggiosa.

Impostazioni privacy