Pensione sospesa, perché sta accadendo a tantissime persone e come rimediare

Sempre più persone si trovano a fare i conti con la sospensione della propria pensione: vediamo perché sta accadendo e come rimediare.

La sospensione della pensione registrata in questo mese, marzo 2024, è diventata una realtà preoccupante per moltissimi pensionati. Ma cosa ha causato questa situazione e come è possibile rimediare?

Pensione sospesa, perché sta accadendo
Pensione sospesa, ecco perché sta accadendo a moltissime persone – arabonormannaunesco.it

Niente paura: in questo articolo scopriremo le ragioni di tale provvedimento e cercheremo di capire come poter risolvere il problema. Ecco tutte le informazioni utili!

Pensione sospesa a marzo 2024: perché e come fare ora

Il motivo principale dietro la sospensione delle pensioni a marzo 2024 è la mancata presentazione del modello RED, un obbligo imposto dall’INPS per i pensionati titolari di prestazioni collegate al reddito. Questo modello è essenziale per dichiarare i redditi al fine di consentire all’INPS di valutare le condizioni reddituali dei beneficiari e di confermare o meno le prestazioni previdenziali.

pensione sospesa, come rimediare
Vediamo come rimediare alla sospensione della pensione – arabonormannaunesco.it

La presentazione del modello RED è obbligatoria per i pensionati che:

  • Ricevono redditi influenti sulle prestazioni che non sono comunicati all’Agenzia delle Entrate tramite la dichiarazione dei redditi (modello 730 o REDDITI PF);
  • Sono esonerati dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate e hanno redditi aggiuntivi a quelli da pensione;
  • Dichiarano redditi rilevanti ai fini previdenziali in modo diverso rispetto alla dichiarazione fiscale all’Agenzia delle Entrate.

Non è invece necessario presentare il modello RED per coloro che:

  • Abbiano già dichiarato tutti i redditi tramite il Modello 730 o il Modello Redditi PF;
  • Ricevono solo redditi da pensione senza variazioni significative rispetto all’anno precedente;
  • Non hanno alcuna variazione di reddito dall’anno precedente.

Nel caso in cui il modello RED non sia stato presentato da chi ne abbia l’obbligo fiscale, la legge prevede la sospensione del pagamento della pensione dal mese successivo alla scadenza del termine ultimo per la presentazione del suddetto modello. In altre parole: se il modello non è stato presentato entro il 29 febbraio 2024, la pensione verrà sospesa a partire da marzo 2024. I pagamenti saranno bloccati per due mesi, tuttavia, nel caso in cui il problema non venga risolto entro 60 giorni, la sospensione diventa definitiva. 
La presentazione del modello RED può essere fatta direttamente all’INPS, attraverso il servizio online “RED semplificato” utilizzando le proprie credenziali SPID, CIE o CNS. In alternativa, è possibile presentare il modello tramite il contact center dell’INPS, i CAF e altri soggetti abilitati, o le strutture territoriali dell’INPS.
È importante notare, infine, che i pagamenti persi durante il periodo di sospensione non potranno essere recuperati.

Impostazioni privacy