Nuovo bonus 100 euro in busta paga: la data ufficiale in cui si riceve

Buone notizie per tantissimi italiani: il governo inserisce un nuovo bonus in busta paga dal valore di 100 euro: i dettagli

Sono davvero tanti i bonus e gli incentivi che gli italiani hanno imparato a conoscere nel corso degli ultimi anni. La maggior parte dei bonus sono stati erogati dai veri governi che si sono succeduti durante la pandemia da Covid 19. Successivamente, altri bonus sono stati introdotti nell’ultimo biennio per contrastare inflazione e caro prezzi.

Bonus busta paga
Novità in busta paga: presto un nuovo bonus – Arabonormannaunesco.it

Tra gli incentivi più importanti erogati ricordiamo il Bonus Bebè e l’Assegno Unico Familiare, entrambe misure destinate alle famiglie con figli. Ricordiamo poi i vari bonus per la ristrutturazione delle casa o per aiutare nel pagamento delle utenze domestiche. E’ poi notizia recente l’introduzione di un nuovo bonus dal valore di 100 euro in busta paga.

Nuovo bonus da 100 euro in busta paga: ecco da quando

Il bonus nuovo 100 euro è un’indennità una tantum introdotta dal governo italiano per aiutare i lavoratori dipendenti con redditi bassi a fronteggiare l’aumento del costo della vita. Sarà erogata a partire da gennaio 2025, ma non in automatico: i lavoratori dovranno richiederla al proprio datore di lavoro.

Soldi euro
Introduzione di un nuovo bonus in busta paga – Arabonormannaunesco.it

Per poter ricevere il bonus, è necessario soddisfare i seguenti requisiti: avere un reddito complessivo non superiore a 28.000 euro nel 2024; avere un coniuge non separato e almeno un figlio a carico oppure avere almeno un figlio a carico, se il secondo genitore è assente o non ha riconosciuto il figlio (e il richiedente non è coniugato). Infine i lavoratori devono avere l’imposta lorda sul reddito da lavoro dipendente superiore alle detrazioni spettanti.

Si considerano fiscalmente a carico il coniuge e figli con un reddito personale non superiore a 2.840,51 euro lordi annui (la cifra sale a 4.000 euro per i figli di età non superiore a 24 anni). Invece il requisito dell’età si intende rispettato anche se sussiste per una sola parte dell’anno. Infine il tetto di 2.840,51 euro si applica a partire dall’anno in cui il figlio compie 25 anni.

Il bonus è di 100 euro lordi, ma l’importo netto effettivo ricevuto sarà inferiore a causa delle ritenute fiscali e delle detrazioni. Inoltre, il bonus sarà proporzionato ai mesi di lavoro effettivamente svolti nel 2024. Il bonus non sarà erogato automaticamente ma i lavoratori interessati dovranno richiederlo al proprio datore di lavoro per iscritto, entro il termine che verrà comunicato successivamente. Nella richiesta dovranno indicare il proprio codice fiscale e quello del coniuge e dei figli a carico.

Il bonus verrà erogato con la busta paga di gennaio 2025. Ricordiamo, infine, che il bonus è soggetto alle normali imposte e contributi. I datori di lavoro, invece, potranno recuperare il bonus erogato tramite compensazione con le imposte e i contributi da versare. In caso di indebita erogazione del bonus, il datore di lavoro sarà tenuto al recupero dello stesso.

Impostazioni privacy