No a Verstappen, la scelta della Red Bull sconvolge tutti: i dettagli

La confessione di Max Verstappen lascia tutti i tifosi senza parole: incredibile decisione da parte della Red Bull

Problemi in paradiso? Non proprio, ma anche in casa Red Bull qualche motivo di ‘tensione’ esiste, nonostante i risultati straordinari avuti nelle ultime stagioni. La scuderia anglo-austriaca è più che soddisfatta del lavoro di Max Verstappen e il pilota olandese non ha nulla di cui lamentarsi.

Verstappen divieto Sci Red Bull
Rifiuto clamoroso per Verstappen: la decisione della Red Bull sorprende (Ansa) – Arabonormannaunesco.it

Tuttavia, c’è una decisione da parte dei vertici Red Bull che è stata accettata a malincuore da Verstappen. Un secco ‘no’ che non si sarebbe mai aspettato e che è stato confessato solo nelle ultime ore, con parole che aprono uno squarcio incredibile nella realtà vissuta negli ultimi anni dal tre volte campione del mondo.

Che si possa dire di ‘no’ a un fuoriclasse come Verstappen può sembrare strano. A volte però dietro un rifiuto si nascondono motivazioni importanti che giustificano anche la decisione più incomprensibile. La Red Bull sa di dover coccolare e proteggere al meglio il suo fuoriclasse, un talento prodigioso che fin dalla tenera età ha dimostrato di avere la stoffa del fenomeno e, per farlo, ha deciso di accontentarlo su tutto, su ogni sua richiesta, meno che su un punto.

Pagato lautamente e blindato da un contratto fino al 2028 da ben 45 milioni di euro a stagione, più 25 di bonus, Max raramente si è visto rifiutare qualcosa dalla sua scuderia.

La Red Bull dice ‘no’ a Verstappen: la confessione del campione

Per un tre volte campione del mondo ricevere un rifiuto è sempre un grande evento. Le scuderie più importanti, prestigiose e ambiziose sono solite blandire i propri piloti di punta fino quasi a viziarli, a volte andando anche contro i loro stessi interessi.

Questo succede in Red Bull, ma solo in parte. Nonostante Verstappen sia accontentato praticamente in ogni sua richiesta, esistono dei limiti oltre cui non può spingersi, attività che i vertici della scuderia gli hanno negato in tutti questi anni o meglio gli hanno addirittura vietato espressamente, attraverso una clausola presente nel suo redditizio contratto.

Verstappen clausola divieto Sci contratto Red Bull
Clamoroso Verstappen: la Red Bull glielo vieta (Ansa) – Arabonormannaunesco.it

Lo ha confessato lo stesso Max ai microfoni di Formule1.nl, portale olandese specializzato in Formula 1: “Nel mio contratto ho diverse clausole specifiche, tra cui una che mi vieta di praticare sport pericolosi. Per questo motivo non scio da oltre cinque anni, non posso farlo per non rischiare di rompermi qualcosa“.

Una decisione che può sembrare severa ma che è perfettamente in linea con gli interessi della scuderia e dello stesso pilota, visto e considerato che non sono mancati in passato i casi di grandi campioni che hanno riportato un infortunio grave a causa delle proprie passioni sportive extra pista.

Emblematico quanto accaduto al portiere del Bayern Monaco, Neuer, che si è fratturato una gamba sciando. L’infortunio gli è capitato dopo i Mondiali in Qatar e l’ha tenuto fermo per quasi un anno.

Impostazioni privacy