Marotta lascia l’Inter, ma non per la Juve: destinazione choc

Si moltiplicano le voci sul futuro dirigenziale di Beppe Marotta: possibile l’addio all’Inter ma non in vista di un ritorno alla Juve

La grande stagione dell’Inter, ancora pienamente in corsa per un Triplete che, rispetto a quello del 2010 vedrebbe la Supercoppa italiana al posto di una Coppa Italia da cui i nerazzurri sono stati già eliminati, prefigura uno scenario da possibile fine di un grande ciclo.

Addio Inter nuovo ruolo Marotta
Marotta spiazza tutti: ecco cosa potrebbe fare in futuro (LaPresse) – Arabonormannaunesco.it


Se davvero dovesse arrivare lo scudetto – e non ne parliamo nemmeno se fosse alzata al cielo la Champions League dopo la finale già disputata lo scorso anno – il lavoro di Beppe Marotta potrebbe dirsi concluso. Almeno questa è l’idea di parecchi tifosi nerazzurri, nonché di un nutrito stuolo di addetti ai lavori.

L’ipotesi che starebbe prendendo piede è quella di un dirigente che prenderebbe coscienza che più di questo non potrebbe essere fatto. E di cose, Marotta ne ha fatte molte.  Specializzatosi in gustosi e prestigiosi colpi a parametro zero – le famose occasioni di mercato di cui puntualmente parla all’alba della stagione estiva di scambi – Marotta ha ridefinito il concetto di grande campagna acquisti.

Il dirigente nerazzurro non rinuncia a comprare, pagando anche lautamente determinati profili, ma prima vende. E vende bene. Successivamente reinveste solo parte dei proventi, per assicurare alle casse societarie un surplus di entrate rispetto alle uscite. Il tutto integrato con affari a zero del calibro di Calhanoglu, Mkhitaryan, Onana (tra l’altro rivenduto l’anno dopo per una plusvalenza da capogiro) e Marcus Thuram. Mica roba da ridere.

Né Inter, né Juve: svelato il futuro di Marotta

La comprovata bravura di Marotta è ben conosciuta dalla Juve. Qui Marotta, tra il 2010 e il 2018, ha vinto qualcosa come 7 scudetti, svariate Coppe nazionali, fatto due finali di Champions e convinto fuoriclasse come Gonzalo Higuain e Cristiano Ronaldo a sposare la causa bianconera. Tanto basta per avere nostalgia della sua figura. E della sua grande competenza.

Ecco che allora dalle parti di Torino si sogna già la grande accoppiata Giuntoli-Marotta che rappresenterebbe una sorta di dream team dirigenziale. Al di là del fatto che sull’argomento il diretto interessato, essendo impegnatissimo a pianificare la prossima campagna acquisti, glissa, un giornalista ha fatto un annuncio che sgombera il campo da equivoci e apre a una nuova possibile per l’attuale a.d. nerazzurro.

Marotta addio Inter nuovo ruolo
Marotta, nessun romantico ritorno alla Juve: c’è altro (LaPresse) – Arabonormannaunesco.it

Marotta dopo l’Inter è destinato a un posto nel “palazzo”. Che i rapporti con Elkann siano ottimi è assodato. Che si siano incontrati nel recente passato, anche. Un ritorno alla Juventus, però, non risulta nei piani di ambo le parti, ha scritto su Twitter il giornalista Mirko Nicolino.

Sarebbero dunque privi di fondamento i rumors sul possibile rientro in bianconero di Marotta che, invero, sembra perfetto come manager d’alto profilo per un ruolo dirigenziale nell’ambito delle istituzioni che governano il calcio nostrano. A buon intenditor…

Impostazioni privacy