Lo usi ogni giorno, ma ignori quanti batteri vi abitano: igienizzarlo é d’obbligo, te ne accorgerai anche tu

È un oggetto che usiamo quotidianamente, senza eccezione. Ma non sappiamo quanti batteri vi si possano accumulare sopra.

Con altrettanta regolarità trascuriamo di igienizzarlo e, diciamolo, non è proprio il massimo per la salute. Ebbene sì, non si tratta di un oggetto di poco conto. Anche se, come capita con tutte le cose con cui abbiamo troppa consuetudine, tendiamo a dare tutto per scontato.

Lo siamo ogni giorno ma è pieno di sporcizia
Un oggetto di uso comune ospita un bel po’ di batteri, lo sapevi? – arabonormannaunesco.it

Faremmo bene invece a pensare di cominciare a stare attenti in tal senso, una volta che ci saremo resi conto di quanta sporcizia possa ospitare.

Potremmo dire che, in ogni senso, è una questione di testa. Già, perché si tratta di qualcosa che ha letteralmente  a che fare col nostro capo. Vediamo di cosa si tratta. Quando avremo capito ci penseremo due volte prima di trascurare il lato igienico della faccenda.

Lo usiamo tutti i giorni, ma non ci rendiamo conto di quanto sia sporco

Dove posiamo il capo tutte le sere quando, dopo una faticosa giornata, ci apprestiamo a goderci il meritato riposo? La risposta è facile: il cuscino. Quando è stata l’ultima volta che abbiamo lavato il cuscino del nostro letto? Attenzione: proprio lui, il cuscino. Non semplicemente le federe.

Ogni quanto andrebbe lavato un cuscino
Anche i cuscini ogni tanto hanno bisogno di un bel repulisti – arabonormannaunesco.it

Se la memoria ti dice che sono passati più di sei mesi dall’ultima volta che hai lavato il cuscino, beh, forse è il caso di andare in lavanderia. Va bene pulire con le regolarità le lenzuola. Ma dobbiamo tenere conto che sul cuscino si accumulano ogni notte saliva, sudore, sporcizia, batteri.

Questo significa che almeno tre o quattro volte all’anno dovremmo pulire anche i cuscini del nostro letto.

Pulire il cuscino, ecco a cosa dobbiamo fare attenzione

Ma come si fa a pulire un cuscino? Come prima cosa dobbiamo capire se va fatto il lavaggio a secco. Possiamo capirlo dall’etichetta del cuscino. Teniamo conto però che perlopiù i cuscini in piuma e fibra si possono lavare in una lavatrice standard. Per lavare un cuscino dobbiamo prima controllare la federa alla ricerca di eventuali macchie e in caso spruzzarle con un pretrattante per bucato. Dopo averlo lasciato riposare per circa 15 minuti mettiamo i cuscini nel cestello della lavatrice (sempre due alla volta, se possibile, per non fare sbilanciare la lavatrice).

Dopo aver aggiunto il detersivo laviamo in acqua tiepida aggiungendo un ciclo di risciacquo extra (dobbiamo assicurarci che il detersivo in eccesso venga effettivamente rimosso). Una volta terminato il ciclo, mettiamo i cuscini nell’asciugatrice con un paio di palline per evitare che l’imbottitura si accumuli. In questa maniera avremo dei cuscini extra soffici. Asciughiamo poi i cuscini: circa un’ora per l’imbottitura in fibra, molto basso o senza calore in caso di imbottitura in piuma.

Quando togliamo i cuscini dall’asciugatrice strizziamoli con decisione in aree differenti per controllare l’eventuale umidità residua (anche poca umidità può causare muffa). Per mantenere la freschezza dei cuscini appena puliti possiamo usare una protezione per cuscino sotto la federa e lasciare che ogni tanto il cuscino prenda aria. Ovviamente meglio non lasciar passare una volta ancora più di sei mesi prima di lavarlo di nuovo!

Impostazioni privacy