I vaporizzatori sono migliori delle sigarette? Il rischio poco conosciuto: lo studio parla chiaro

Ad oggi rimane un tema complicato e ricco di controversie: fumare vaporizzatori è davvero la soluzione alla sigaretta? Il recente studio.

Sono anni, se non decenni, che la lotta anti fumo va avanti. Purtroppo, milioni di persone sono dipendenti dalla nicotina e rimane complesso per loro farne a meno. Se da una parte le campagne di sensibilizzazione hanno portato sempre più individui a smettere di fumare, dall’altra è stata offerta una valida alternativa: le note sigarette elettroniche.

I vaporizzatori sono meglio delle sigarette
Vaporizzatori: sono davvero l’alternativa migliore alla sigaretta? – arabonormannaunesco.it

Questo strumento è entrato a far parte del mercato offrendo sempre più alternative alla classica combustione del tabacco. Ad oggi, i vaporizzatori hanno ottenuto un successo innegabile, con moltissimi utilizzatori che hanno sostituito la sigaretta a questo nuovo strumento. Ma c’è di più: alcuni giovani hanno iniziato a fumare questo tipo di sigarette ancor prima di aver sviluppato una dipendenza da nicotina.

Eppure, durante gli anni è stato rivelato che questo è sì, un valido sostituto, ma non per questo innocuo per la salute. Da qui la nascita di altre campagne, nuova informazione e l’insorgenza di ulteriori studi. Da quello che emerge da un’ultima ricerca, i danni a lungo termine dell’utilizzo dei vaporizzatori sono chiari, sebbene ancora poco divulgati a coloro che hanno scelto di utilizzarla.

Le sigarette elettroniche fanno male? Lo studio statunitense sui vaporizzatori

Potremmo definire la sigaretta elettronica come ‘chiodo schiaccia chiodo’, ma la verità è che, considerando le conseguenze per la salute, sarebbe meglio utilizzare l’aforismo ‘dalla padella alla brace’. L’allerta sulla salute arriva direttamente dagli Stati Uniti, dove una ricerca ha confermato quanto le sigarette elettroniche possano rilasciare metalli tossici che penetrano profondamente nei polmoni e nel corpo, provocando danni seri.

Le sigarette elettroniche fanno male
Sigarette elettroniche: i veri rischi per la salute – arabonormannaunesco.it

Lo studio pubblicato sulla rivista Tobacco Control ha rivelato che sostanze come piombo, uranio e cadmio possono essere inalate attraverso lo svapo, mettendo a rischio la salute cerebrale, il comportamento e il sistema respiratorio. La scoperta è stata sorprendente, poiché sebbene si sospettasse che lo svapo rilasciasse metalli, non si sapeva in che misura finissero nel corpo umano.

L’esposizione a questi metalli può avere effetti dannosi a breve termine sui giovani, con rischi di danni cognitivi, comportamentali e respiratori. Inoltre, il cadmio è stato associato a diversi tipi di cancro, mentre il piombo può colpire il cuore, i vasi sanguigni e il cervello.

Ma non sono solo i metalli a causare preoccupazioni: anche la nicotina presente nei liquidi degli svapatori è dannosa per lo sviluppo cerebrale. E i sapori dolci, molto popolari tra i giovani, aggravano ulteriormente il problema, aumentando i livelli di uranio nel corpo. Sebbene la vendita di vaporizzatori con aromi dolci sia stata vietata nei Paesi Bassi, sono ancora ampiamente diffusi altrove.

 “Vediamo giovani finire in terapia intensiva a causa di gravi problemi respiratori dovuti allo svapo – spiega il dottor Noor Rikkers, pneumologo pediatrico – ma sono più preoccupato per il danno silenzioso al cervello dei giovani. Non sappiamo ancora tutto sulle conseguenze a lungo termine, ma è chiaro che lo svapo non è sicuro, certamente non meglio delle sigarette”.

Impostazioni privacy