Fino a 600 euro in più al mese, ma solo con questi requisiti: di cosa si tratta e come richiederlo

Sono tanti i bonus e gli incentivi promossi dal governo Meloni anche per il 2024: uno permette di avere fino a 600 euro in più al mese.

Il governo Meloni, anche per il 2024, ha emanato e prorogato incentivi e bonus che saranno validi per l’intero arco dell’anno. Tutte le novità in questo senso sono state inserite nella nuova Legge di Bilancio 2024, che è stata approvata da Camera e Senato a fine dicembre 2023 ed è in vigore dal primo giorno del nuovo anno.

Bonus da 600 euro: ecco a chi spetta e come
Bonus da 600 euro: a chi spetta e come ottenerlo – Arabonormannaunesco.it

Tra le novità più importanti c’è un bonus da ben 600 euro al mese che spetta ad alcuni italiani che soddisfano delle particolari caratteristiche. Tale incentivo, però, non è erogato dallo Stato ma da una singola regione: vediamo tutti i dettagli a riguardo.

Bonus da 600 euro: ecco a chi spetta e come

Il governo Meloni ha sempre avuto un occhio di riguardo per quanto riguarda le famiglie numerose: sono tanti, infatti, gli incentivi o le maggiorazioni e i bonus erogati per loro. Una particolare regione italiana, poi, ha messo in campo un incentivo per sostenere la natalità.

Cos'è il bonus secondogenito
Tutto sul bonus per i secondogeniti elargito dalla Regione Campania – Arabonormannaunesco.it

Parliamo della Regione Campania, che ha erogato un bonus valido per i secondogeniti nati nel 2024 dal valore di 600 euro al mese. L’incentivo è elargito sotto forma di voucher e le famiglie che ne hanno diritto non devono presentare alcuna domanda, ma il contributo verrà accreditato automaticamente sul conto corrente indicato al momento della nascita del bambino.

Il voucher può essere utilizzato per l’acquisto di prodotti per l’infanzia, come pannolini e latte in polvere. Inoltre, la Regione Campania si sta muovendo per attivare convenzioni con le strutture sanitarie e parasanitarie disponibili a fornire servizi e forniture. Ha stanziato anche altri incentivi per i genitori con minori a carico, tra cui un contributo regionale per l’asilo nido, destinato a bambini fino a 3 anni d’età. Le famiglie, selezionate in base al reddito Isee, riceveranno un voucher fino a 3 mila euro.

C’è poi anche un bonus di 500 euro per coprire le spese sanitarie dei minori. Possono accedere i nuclei che hanno bambini fino a 10 anni e un reddito Isee inferiore o pari a 12.500 euro. L’incentivo interessa tutte le visite mediche odontoiatriche e le cure o visite specialistiche non coperte dal Servizio sanitario nazionale.

Infine sono state erogate delle misure di conciliazione famiglia-lavoro, con l’obiettivo di rafforzare l’offerta dei servizi di welfare e la loro accessibilità. Questi incentivi sono un segno di attenzione da parte della Regione Campania nei confronti delle famiglie, nell’intento di sostenere la natalità e il benessere dei minori.

Impostazioni privacy