Fedez e Ferragni addio, la verità di Travaglio: “Ecco perchè lui non l’ha difesa…”

Dopo la rottura tra Fedez e Chiara Ferragni, arriva la verità di Travaglio. Ecco che cosa ha rivelato. Scopriamolo insieme.

Nonostante non lo desiderasse, pare che anche Marco Travaglio sia rimasto coinvolto nella separazione dell’anno, ossia quella tra Fedez e Chiara Ferragni.

Cosa si nasconde dietro la separazione di Fedez e Chiara Ferragni
Fedez, Chiara Ferragni e Travaglio fonte instagram arabonormannaunesco.it

Pare infatti che c’è addirittura qualcuno che punta il dito contro il giornalista, facendo riferimento all’ultima lite che ha avuto domenica 18 febbraio con Fedez. Vediamo nel dettaglio cosa c’entra il noto giornalista.

La verità di Travaglio sulla separazione tra Fedez e Chiara Ferragni

A seguito delle prime notizie riguardo alla separazione tra Fedez e Chiara Ferragni, sono iniziate a diffondersi numerose notizie sull’argomento.

Cosa si nasconde dietro la separazione di Fedez e Chiara Ferragni
Travaglio ad Accordi & Disaccordi fonte instagram @marcotravaglio arabonormannaunesco.it

C’è addirittura chi incolpa Marco Travaglio di questa separazione, facendo riferimento alla sua ospitata a Muschio Selvaggio. Ricordiamo infatti che, in occasione della puntata del 18 febbraio, tra Fedez e Travaglio c’è stata una discussione abbastanza accesa. Il tutto ha avuto inizio nel momento in cui Travaglio paragonò Chiara Ferragni a Wanna Marchi, un tipo di affermazione che non ha scatenato in Fedez nessuna reazione. E quindi, il fatto che il rapper non ha preso le parti della moglie, ha fatto sì che quest’ultima andasse su tutte le furie.

All’interno del programma condotto da Luca Sommi, Accordi & Disaccordi, trasmesso sul Nove, il giornalista ha voluto chiarire definitivamente com’è che stanno le cose.
Travaglio ha fatto un salto indietro, ripercorrendo ciò che era accaduto quel 18 febbraio. All’epoca il giornalista aveva affermato: “Selvaggia Lucarelli ha trasformato tua moglie in Wanna Marchi”. Di fronte a tali parole, Fedez non avrebbe dato chissà quale risposta esaustiva pronunciando soltanto le seguenti parole: “Ok, se vuoi ti rispondo”. Una reazione che per Chiara Ferragni è stata fin troppo minima.

Travaglio, di fronte a Luca Sommi si chiede se non sia eccessivo il fatto che tale separazione venga attribuita a lui: “Non credo che ci si possa separare per così poco, è vero che siamo in un’era di superficialità, ma così superficiali da separarsi e porre fine a un matrimonio con due bambini per una frase“.

Il giornalista continua affermando che ciò che ha detto è un qualcosa che conoscono tutti, ossia il fatto che lo scoop di Selvaggia Lucarelli riguardo al pandoro e alla finta beneficenza, ha fatto sì che venisse modificata del tutto l’immagine che gli italiani hanno di Chiara Ferragni. Insomma si è trattato soltanto di una sorta di constatazione che però non ha nessun effetto in tribunale poiché al momento non ci sono condanne né tantomeno, sempre secondo Travaglio, si fa riferimento a materia da processo penale.

Il giornalista, durante la sua ospitata nel programma di Canale Nove, si chiede per quale motivo Fedez non abbia dato nessuna risposta: “Lui cosa avrebbe dovuto replicare poveretto? Credo che lo sappia anche lui, magari non va tanto d’accordo con la lingua italiana, ma sui media ci lavora e ci gioca, quindi credo sia consapevole del danno reputazionale, non per colpa di Selvaggia, derivato dalle azioni di Chiara Ferragni, smascherate dalla Lucarelli.”

Travaglio continua affermando che la colpa di tutto ciò non è da attribuire a Selvaggia ma semplicemente a Chiara Ferragni, una delle influencer più popolari nel mondo intero che contava 30 milioni di follower. Travaglio inoltre dubita anche sulla veridicità dei follower in quanto non è certo che siano numeri reali.

Il giornalista continua affermando che non ha nessuna intenzione di fare dei commenti sulla sfera privata né tantomeno ha intenzione di infierire su una situazione già abbastanza delicata di suo: “Farei un’oscenità, ci sono dei bambini di mezzo”.

Impostazioni privacy