Come calcolare l’assegno pensione mensile prima di lasciare il lavoro: conviene farlo, è molto semplice

Se si sta per andare in pensione, c’è un modo per calcolare l’assegno mensile. Ecco come farlo facilmente.

La vita è fatta di fasi, che segnano dei veri e propri periodi e cicli della nostra esistenza. Quando siamo ragazzi, non vediamo l’ora di diventare adulti e di raggiungere il fatidico traguardo dei 18 anni. Proprio quest’età, effettivamente, rappresenta un rito di passaggio, più simbolico che reale.

Assegno pensione: calcolalo così
Assegno pensione: calcolalo facilmente in questo modo – arabonormannaunesco.it

Ognuno, infatti, raggiunge la maturità in età diverse della vita, in base al proprio vissuto e alla propria esperienza. Da qui inizia un percorso, in cui ci si laurea o si inizia subito a lavorare. Solitamente, la nostra occupazione segna gran parte della nostra esistenza, in quanto rappresenta un periodo davvero prolungato.

Ma anche questo, come ogni cosa, giunge al termine e si apre di fronte a noi un’altra fase, ovvero quello della pensione. Si tratta di un traguardo che divide le persone, in quanto vi sono coloro che non vedono l’ora di entrare nella fase in questione, ma anche coloro che la temono considerevolmente. Certo, a fare la differenza è il compenso che percepiremo, come prestazione.

Una cosa molto utile da fare è quella di calcolare anticipatamente l’assegno di pensione mensile, per poter capire prima quale sarà la cifra che ci spetta. Farlo, per di più, è davvero semplice e in questa guida vogliamo proprio approfondire in che modo procedere.

Assegno di pensione mensile: ecco come calcolarlo anticipatamente

Una delle preoccupazioni più grandi, per la gran parte delle persone, ha che fare con la cifra mensile che si percepirà come pensione, una volta lasciato il lavoro.

Assegno pensione: ecco come calcolarlo
Assegno pensione: il metodo per calcolarlo anticipatamente – arabonormannaunesco.it

Per poter calcolare il proprio assegno di pensione mensile, prima ancora di lasciare il lavoro, possiamo seguire questi semplici step. Va premesso che le indicazioni presenti nell’articolo sono valide per la maggioranza di coloro che versano i contributi all’Inps, ma non possono applicarsi a chi li versa presso delle casse specifiche.

Le persone che rientrano nella prima categoria, dovranno, in primo luogo, accedere con Speed al cassetto previdenziale, tramite il sito inps.it. In questo modo, avremo di fronte un estratto conto, attraverso il quale potremmo controllare tutto il nostro storico lavorativo. Per coloro che sono iscritti alla gestione separata, sarà facile calcolare il montante contributivo, in quanto questo è già pronto sulla propria pagina.

Per chi non è iscritto alla gestione separata, è disponibile la sezione dedicata del sito Inps, che ha la dicitura “La mia pensione futura”. Da qui si potrà avere una visione di quale sia il proprio montante contributivo, che è la base di calcolo della prestazione.

Impostazioni privacy