Bonus per coniuge di 800 euro: il limite di reddito da non superare

Sai che puoi avere fino ad 800 euro per coniuge? La novità prevista dal fisco è assurda, solo che devi rispettare questi requisiti.

Il Fisco in questo periodo sta apportando delle modifiche sostanziali in termini di bonus che ogni individuo potrebbe ricevere. Ovviamente, come prevede la legge, questi bonus fanno riferimento principalmente a determinate categorie che non devono essere superate e devono essere rispettate. In questo articolo, possiamo parlarvi finalmente di questo nuovo Bonus Coniuge di 800 euro che potresti ricevere: andiamo a vedere nel dettaglio cosa sta cambiando.

bonus coniuge
Bonus coniuge a chi spetta- arabonormannaunesco.it

Oggi le regole delle detrazioni, come possiamo vedere dal sito dell’Agenzia delle entrate, sono letteralmente cambiate. Infatti, come si evince dal portale, fino al 31 dicembre 2024 il limite massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione del 50% è di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare e non solo.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi. Se il contribuente, invece, non ha usufruito dell’agevolazione in uno o più anni, nei successivi anni può comunque beneficiare dell’azione.

Circa il bonus coniugi, invece, che fanno riferimento nel dettaglio sempre alla detrazione fiscale per ciascun coniuge, ci sono delle importanti e sostanziali modifiche che possono essere interessanti per ciascuno di noi.

Bonus fino a 800 euro per coniuge: ecco cosa cambia

In questo periodo sta cambiando tutto soprattutto in termini di detrazioni per modello unico e 730 che variano da persona a persona e da situazione a situazione. Per essere più precisi, ovviamente vi illustriamo di cosa tratta questo bonus coniuge non legalmente ed effettivamente separato.

Bonus coniuge
Bonus coniuge fino a 800 euro- credit Pixabay- arabonormannaunesco.it

Dopo questa breve introduzione, vi illustriamo le categorie a cui fare riferimento:

  • 800,00 euro se il reddito complessivo non supera 15.000,00 euro;
  • 690,00 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.000,00 euro ma non a 40.000,00 euro;
  • 690,00 euro se il reddito complessivo è superiore a 40.000,00 euro ma non a 80.000,00 euro.

Le prime detrazioni sono  teoriche in quanto la detrazione  diminuisce all’aumentare del reddito. L’intermezzo, invece,  spetta invece in misura fissa, ma per i contribuenti con un reddito complessivo superiore a 29.000,00 euro e inferiore a 35.200,00 euro; l’importo può variare da 10 a 300 euro.

Circa il reddito complessivo invece, queste sono le categorie da rispettare:

  • non superiore a euro 15.000: importo di detrazione 800
  • fino a 29.000 euro importo di detrazione 690
  • da euro 29.001 a euro 29.200 importo di detrazione 700
  • da euro 35.201 a euro 40.000 la detrazione è uguale a 690
  • oltre 80.000 la detrazione è uguale a 0
Impostazioni privacy