Bonus bollette, ora puoi fartelo anche pagare in contanti ma molti non conoscono questa opzione

In questo periodo di crisi è importantissimo conoscere tutte le possibilità riguardanti i vari bonus o aiuti per la famiglia. Entriamo nel dettaglio.

Da quando abbiamo superato la pandemia di Covid-19 e con l’inizio della guerra in Ucraina, il nostro paese, ma non solamente, vive momenti di seria crisi economica. Lo stato aiuta le persone che hanno maggiormente bisogno con bonus e decreti ad hoc.

Come ottenere il bonus bollette in contanti
Bonus bollette, ora puoi fartelo anche pagare in contanti ma molti non conoscono questa opzione-Arabonormannaunesco.it

Noi oggi però ti vogliamo mettere a conoscenza di una possibilità che quasi nessuno conosce. Stiamo parlando dell’opportunità di richiedere in contanti il bonus bollette. Sì, hai letto bene. Cerchiamo di capire quando è possibile e qual è la procedura necessaria.

Bonus bollette in contanti? In questo modo è possibile

L’inverno può essere difficile per moltissime famiglie perché la crisi economica che ha colpito tutto il mondo continua a farsi sentire. Quando andiamo a fare la spesa ogni cosa costa molto di più rispetto a pochi anni fa. Ecco quindi che in tanti hanno bisogno di richiedere i vari aiuti messi a disposizione dallo stato. Ma sono in pochissimi a sapere che il bonus bollette, in alcuni casi, è possibile trasformarlo in denaro.

Bonus bollette, come richiederlo in contanti
Come richiedere la differenza del bonus in soldi-Arabonormannaunesco.it

La misura era stata messa in atto lo scorso anno ma è stata, fortunatamente, confermata anche nel 2024. Si tratta di un vero e proprio aiuto per contrastare il caro bollette. Questo sostegno per le famiglie è stato ampliato rispetto al 2023, ovvero potranno beneficiarne un numero maggiore di nuclei, perché è attivo per tutti coloro che hanno un Isee sotto i 15mila euro. Quello che non tutti sanno, però, è che se l’incentivo è eccedente rispetto al costo della bolletta possiamo richiedere la differenza in contanti.

Ci spieghiamo meglio. La bolletta è a nostro vantaggio e in molti pensano che l’importo verrà poi scalato in quelle successive. Questo è vero ma non è obbligatorio. C’è la possibilità di avere un rimborso in denaro del bonus, tuttavia occorre eseguire una determinata procedura. Come prima cosa dobbiamo chiamare il fornitore della nostra utenza.

Il contatto lo troviamo sulla bolletta. In tal modo possiamo richiedere il bonus sia sul conto corrente che, se vogliamo, tramite un assegno oppure un bonifico domiciliato presso il tabaccaio o la ricevitoria Sisal che scegliamo. Unico dettaglio, in questo caso il rimborso dovrà essere inferiore a 500 euro. Ecco quindi un’opzione per le famiglie che in pochissimi conoscono ma che permette loro di spendere quella cifra, qualora disponibile, per altre spese più urgenti. E tu sapevi di questa possibilità?

Impostazioni privacy