Addio chiavi con il lucchetto che riconosce la torcia del tuo smartphone e ti apre: lo vogliono tutti

C’è un nuovo lucchetto che riconosce la torcia del vostro smartphone e si apre. Potete dire addio per sempre alle chiavi.

La sicurezza in casa è uno degli aspetti dei quali bisogna sempre tenere conto. Possibilmente con serrature di ultima generazione e protette, con serramenti e inferriate in grado di tenere lontani gli occhi indiscreti. E perché no, con l’ausilio della tecnologia che negli ultimi tempi sta proponendo dispositivi sempre più avanzati e che danno modo di godere di alcune funzionalità uniche nel loro genere.

Come funziona il nuovo lucchetto che riconosce la torcia dello smartphone
Questo nuovo lucchetto riconosce la torcia dello smartphone – Arabonormannaunesco.it

Tra le altre cose, di recente sta venendo sempre più apprezzato un nuovo tipo di lucchetto che è pensato esattamente per chi è alla ricerca del top di gamma parlando di sicurezza e vuole accompagnare il proprio smartphone – e dunque la tecnologia in generale – ai sistemi di protezione tradizionali. Pensate che questo accessorio riesce a riconoscere la torcia per poter aprire la serratura. Ecco di cosa si tratta e dove lo potete trovare.

Lucchetto che riconosce la torcia dello smartphone: tutti i dettagli

Siamo di fronte ad un dispositivo che potrebbe rappresentare una mini rivoluzione per ciò che riguarda la propria sicurezza personale in casa. Ossia un lucchetto che è in grado di riconoscere la torcia dello smartphone per poter aprire la serratura. Così le chiavi non serviranno più e per i ladri diventerà praticamente impossibile valicare la porta sfruttando la tecnica dello scassinamento classico.

Addio alle chiavi col lucchetto che riconosce la torcia dello smartphone
I dettagli sul nuovo lucchetto che riconosce la torcia dello smartphone (screenshot YouTube) – Arabonormannaunesco.it

Si chiama Arduino ed è un dispositivo che ha un particolare codice di accesso nel suo software che è in grado di decifrare il tipo di flash e la luce che esso genera. Con un blocco che ha due livelli di sicurezza. Per prima cosa, servirà un’applicazione sul telefono con un elenco di password. Ognuna di queste corrisponde ad un lampo di luce in millisecondi. Andando ad inserire il codice di accesso corretto, la torcia dello smartphone viene attivato quel numero di millisecondi necessario per sbloccare l’accesso.

Non basta dunque semplicemente far lampeggiare la luce tramite il Centro di Controllo del telefono. Ma avere l’app scaricata sullo smartphone e inserire la password che vi serve. Nell’app c’è una sezione dedicata con la lista di tutti i dispositivi che avete salvato. Scegliete quello che vi serve, inserite la password e fate partire la riproduzione della luce con lo smartphone. E non vale solo per la porta di casa, ma anche per cassaforti e altri oggetti che volete proteggere.

Impostazioni privacy